fbpx

Cultura

Teatro Massimo Bellini

Your Volcanic Experience

NAtura

Vulcano Etna

Your Volcanic Experience

Storia

Castello Ursino

Your Vulcanic Experience

Arrow
Arrow
Slider
Cibo Tipico

Cibo Tipico

Street Food

Street Food

Ristoranti

Ristoranti

Pizzerie

Pizzerie

Blog


Isola Lachea e la Leggenda del Ciclope Polifemo

Isola Lachea e la Leggenda del Ciclope Polifemo

Avete mai fatto tappa sull'isola Lachea?

Se la risposta è "no", allora è arrivato il momento di fare tappa sull'isola perché vi siete persi un piccolo angolo di paradiso proprio nel cuore del paesino di pescatori, dove lo scrittore siciliano Giovanni Verga, ambientò il suo romanzo più famoso: I Malavoglia.

Scopri di più


Catania a Tavola, le 10 Pietanze da Mangiare Assolutamente

Catania a Tavola, le 10 Pietanze da Mangiare Assolutamente

Quando si arriva a Catania, oltre ad apprezzare il fascino della pietra lavica, il suo stile barocco e l'Etna che sovrasta la città, non si può fare a meno di gustare anche le sue prelibatezze.

Non è un caso che quando si va via dalla città etnea si portano con se gli odori, i colori, i suoni e...qualche chiletto in più!

Scopri di più


Aci Trezza, un dipinto sul mare

Aci Trezza, un dipinto sul mare

“Soltanto il Mare gli brontolava la solita storia lì sotto, in mezzo ai faraglioni, perché il Mare non ha paese nemmeno Lui, ed è di tutti quelli che lo sanno Ascoltare”. Così diceva il Verga del piccolo borgo “da Trizza” pensato tra scogli e mare, culla di miti e leggende e casa della famiglia di pescatori, i Malavoglia.

Scopri di più

Se un pomeriggio d'autunno vi ritrovaste dopo la pioggia a Catania, non esitate. Non vi chiudete in camera, ma fermatevi. Fermatevi a guardare. L'asfalto bagnato, grigio e umido come una tela appena dipinta, in cui si rispecchia il cielo chiaro, che sa di mare e di vite che si intrecciano. Fermatevi a specchiarvi in una pozzanghera, per immergervi, ancora bambini, nella vivida, malinconica linfa di questa Città che sembra riemersa, gocciolante, dal profondo blu dell'oceano.

E vedrete persiane abbassate a metà. Rosse, verdi, mute custodi delle quotidianità e dei misteri, delle velleità e degli amori di mille e ancora mille sconosciuti, che - sangue che scorre nelle vene affollate di Catania - attendono la sera, dopo la pioggia, per scaldarsi e nutrirsi, e riposarsi, sotto tetti diversi, sotto lo stesso cielo. E non sarete mai soli con le anziane mamme sempre affacciate ad osservare il mondo con quegli occhi stanchi. Sono i figli di Catania, in quei palazzi, sentinelle silenziose, colonne affaticate dal peso di una bellezza antica e tormentata. Pietre dal vulcano, scogli nel mare.

Sentirete mille odori, dalle botteghe, dalle bancarelle. La terra bagnata, profumo d'infanzia, ed i suoi frutti. Il mare scosso, sapore vissuto, ed i suoi pesci. Ascolterete vecchi canti d'amori sepolti, e le urla dei mercanti scuri in volto, custodi di tradizioni ormai perdute, ma ritrovate dopo la pioggia a Catania. E nel grigio osserverete intrecciarsi mille colori. Come un arcobaleno che dal cielo si riversi in ogni vicolo, in ogni angolo. Come un pianto di gioia soffocato in gola.

Vedrete, lontano, protetto dalle nuvole, il Vulcano. L'Etna, ancestrale diamante incastonato nel diadema che incorona Catania. E lassù la pioggia si trasforma in un velo di candida seta, che silenzioso copre la Montagna. Vedrete il mare, incresparsi e gonfiarsi, impallidire per scontrarsi con le coste. Barche che danzano sui flutti irrequieti. Schiaffi e carezze che esplodono come bianchi coriandoli soffiati via dalla brezza marina. E l'orizzonte ruggisce ancora, dopo la pioggia a Catania.

Poi, al tramonto, nuove tinte su nel cielo, che inizierà a liberarsi. Il rosso delle sue labbra e l'azzurro dei suoi occhi. Ed il sole, prima di ritirarsi al di là dell'orizzonte, illuminerà i campanili, e le chiese, e le strade che - dopo qualche ora - si riempiranno ancora di voci, di vita. Di storie mai raccontate e magari, al calare della sera, la Luna lassù, triste, guarderà Catania con voi. E con i lampioni, i semafori, le vecchie insegne fulminate, si specchierà sul selciato non ancora asciutto.

Questa città, in cui si mischiano razze e culture in una continua danza, in un continuo turbinio di risa e pianti. Questa città, dove l'amore è un sogno che non ricordi. Questa città, dopo la pioggia, si acquieta. Si sdraia pallida, Catania, s'adagia. Come la bestemmia stretta tra i denti di un profeta (o di un santo).

Se un pomeriggio d'autunno vi ritrovaste dopo la pioggia a Catania, non esitate. Fermatevi. Osservatela, ascoltatela, odoratela. Vivetela.

E quando poi riprendete il vostro cammino – ve lo dico - non sarete più gli stessi. Perché dopo la pioggia a Catania, nella vostra anima rimarrà indelebile un segno, assopito.

Pin It
Ostelli

Ostelli

Hotel

Hotel

Bed & Breakfast

Bed & Breakfast

LGBT Friendly

LGBT Friendly